Come si crea una linea di costumi da bagno?

Articolo scritto da:
Corrado Manenti
Aiutaci a far girare la voce!
Condividi questo articolo:
Tablet che mostra una guida sulla creazione di costumi da bagno, circondato da campioni di tessuti per costumi da bagno e un paio di occhialini da nuoto.

Articolo aggiornato in data 04/01/2024

INTRODUZIONE:

Come si crea una collezione di costumi da bagno nel 2024?  Quali sono i passaggi fondamentali che ogni stilista (o aspirante tale) deve conoscere per approcciarsi a questo specifico segmento di mercato PRIMA di realizzare i prodotti?

In questo articolo aggiornato ai nuovi macro trend del 2024 andremo a vedere come possiamo creare un brand focalizzato sui costumi da bagno in un’ottica resort wear. 

Utilizzerò il nostro canvas il Fashion Business Designer per farti vedere come la creazione dei prodotti sia solo una punta dell’iceberg!

Ti parlerò anche dei trend che abbiamo visto nel nostro ufficio stile nel 2023 e quali saranno quelli più in voga per il 2024.

Vedremo poi una prima analisi di quanto può costare una linea di costumi da bagno e con quali budget bisogna affrontare un progetto del genere. E infine ti darò 6 consigli per iniziare al meglio.  

Sei pronto? Iniziamo!

Immaginati su una spiaggia. Una di quelle infinite distese di sabbia da una lato un viale di palme, dall’altro il mare. Il caldo del sole ti riscalda la pelle, ti senti ispirato dopotutto sei in vacanza ed è estate, la stagione del cuore che tutti noi preferiamo da quando siamo bambini.

Ti guardi in giro e qualcosa ti colpisce! Ci sono dei ragazzi e delle ragazze che indossano dei costumi bellissimi, quasi non puoi credere, sono proprio quelli che hai creato tu!

Bello vero? Lo scopo finale di fare moda è proprio quello di vedere le proprie collezioni, vissute, indossate, diventare complici dei momenti importanti delle persone. Ovviamente nulla succede per caso!

Non possiamo creare prodotti pensando semplicemente che siano rilevanti per le persone e che semplicemente li comprino, dobbiamo creare prodotti che offrano al cliente una storia e lo rendano protagonista della nostra!

Per questo abbiamo bisogno di creare e comunicare la nostra storia per questo dobbiamo lavorare sulla nostra identità: su creare il nostro brand moda!

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E SCARICA GRATUITAMENTE LA GUIDA:

i 5 errori da evitare nella creazione del tuo brand di costumi

Clicca sul pulsante qui sotto
e segui le istruzioni:

IL METODO BAD PER CREARE UNA COLLEZIONE:

Se è il primo articolo che leggi benvenuto su Be A Designer la casa degli stilisti emergenti e di chiunque voglia diventare imprenditore nella moda.

Siamo un team di creativi specializzati nella creazioni di nuove linee di prodotto e di quello che diventerà a tutti gli effetti il tuo brand di moda! I

n questi ultimi anni ho lavorato su tantissime tipologie di prodotto, ogni segmento di mercato ha delle peculiarità uniche che ne definiscono in parte sia il tipo di prodotto che si andrà a realizzare sia la forma e le tempistiche che avrà il nostro business. 

In che modo lo sviluppo e la costruzione di un brand swimwear si differenzia dallo sviluppo di una linea di moda “Classica”?

  • Perchè ha senso pensarlo in un’ottica resort-wear?
  • Come devo organizzare il mio business per vendere e distribuire il mio prodotto?

Queste sono solo alcune delle domande che mi vengono fatte più spesso e sono domande importanti perchè se stai pensando che il 2024 sia l’anno giusto per iniziare un progetto nella moda hai bisogno di avere tutte le informazioni per iniziare al meglio! 

In questo articolo analizzeremo insieme le peculiarità nella creazione di linee di costumi da bagno e di come possiamo ideare un brand iconico per stare al mare (e non solo!)

Utilizzeremo (come al solito) il nostro Fashion Business Designer™ lo strumento di Be A Designer per rendere “semplice” e “comprensibile” tutto il processo creativo.

A guidarti sarò io Corrado Manenti fondatore di Be A Designer! Ti farò da guida in questa affascinante tipologia merceologica.

PRIMA DI COMINCIARE UN BREVE PROMEMORIA:

Per capire meglio il mio approccio ti è utile stampare il canvas! trovi tutte le risorse all’ interno della tua area riservata nella Fashion Business Academy nella tua area riservata ed accedere al video corso gratuito dove trovi anche tutti i materiali scaricabili]

Il Canvas è pensato per essere accompagnato dal mio manuale: “Anche tu vuoi fare lo stilista” alla fine di ogni capitoli trovi gli esercizi per compilare correttamente il canvas se NON l’hai ancora acquistato lo trovi QUI

Partiamo quindi dal BRAND DESIGN ovvero l’area che vedi evidenziata in rosso nell’immagine qui sotto:

Un diagramma di un business plan per l'abbigliamento sportivo con sopra la scritta 'brand design'.

SEGUENDO IL CANVAS ANALIZZEREMO ALCUNI PUNTI CHE CONTRADDISTINGUONO LO SWIMWEAR RISPETTO AD UN BRAND DI MODA O DI ACCESSORI

Una donna in bikini rosso sulla spiaggia.

BRAND DESIGN:

Come strutturare l’ideazione del tuo Brand Beachwear

  1. IDEA: Un brand di costumi nasce in un immaginario ben definito. La mente spazia subito nelle spiagge bianche dei Caraibi, tra due drink in un chiringuito di Formentera per culminare in una disco sulla spiaggia dove automaticamente il giorno si mescola con la notte.

    Come dico sempre le aziende di moda non vendono solo “oggetti per coprirsi” ma cercano di proporre ai propri clienti uno stile di vita, un modo di essere e di appartenere alla comunità dei cultori della propria marca.

    Nel caso di un brand che abbia come suo focus principali i costumi questo è ancora più importante ed intimamente connesso.

    Il costume (sopratutto nella variante Donna) ha una funzione contro-intuitiva, non serve a coprirci ma serve ad enfatizzare le parti che restano scoperte.

    Nel 2021 abbiamo lavorato ad un progetto sui dei Burquini per una nostra cliente e vi posso assicurare che la logica è la stessa anche se la funzione sembrerebbe a prima vista quella di coprire tutto!

    E’ un prodotto dal forte contenuto emozionale perché a differenza di altri prodotti che possono indossandoli darci una certa “sicurezza” e nascondere i nostri punti “deboli” ci lascia metaforicamente “nudi”.

    Per questo se sogniamo di costruire un brand che abbia come prodotto principale dei costumi da bagno dobbiamo avere le idee molto chiare!

    Come ogni prodotto abbiamo due dimensioni psicologiche che sono alla base della creazione del tuo brand e di quelli che saranno i tuoi prodotti:

    1. l’eccellenza nella dimensione funzionale: Il costume da bagno è analogo a un qualsiasi capo di abbigliamento per uso tecnico / sportivo, la funzione primaria è quella di andare in acqua sia questa salata / dolce, resistere al sudore, calore, raggi uv, abrasione alla sabbia ecc.

    2. l’insieme delle qualità intrinseche percepite rilevanti per il cliente.

Una donna in un costume da bagno verde posa per una foto.

COLLECTION DESIGN:

Come si struttura la parte di collezione della tua linea di costumi?

Un piano aziendale per una raccolta di prodotti di abbigliamento sportivo.

DETTAGLIO DEL QUADRANTE DI COLLECTION DESIGN:

COLLECTION PYRAMID: La stagionalità non deve essere un limite. Se è vero che da calendario la vendita di costumi segue una sua stagionalità ben precisa devi strutturare il tuo brand, le collezioni e le varie uscite per poter superare la stagionalità classica continuando a vendere qualcosa.

Nel mio approccio consiglio sempre di partire sempre focalizzati con una categoria di prodotto nel caso del costume da bagno vale invece la filosofia del lifestyle.

Per questo scegli degli articoli complementari per costruire la tua Collection Pyramid™. Tieni sempre a mente che il prodotto principale dovranno sempre essere i costumi.

A seconda del posizionamento sul mercato ( e del prezzo a cui piazzerai i tuoi prodotti) cerca di completare i gradini della piramide con prodotti complementari.

Qualche esempio:

  • NEL CASO DELL’UOMO: Se i tuoi prodotti Massive Impact sono i costumi puoi proporre per la fascia aspirational una camiceria leggere o che utilizzi materiali pregiati (lino- cotone pregiato) per promuovere uno stile di vita da “Yatch / Barca a Vela”. Se il tuo brand è più scanzonato e orientato verso lo sportivo puoi riproporre con gli stessi pattern dei K-Way leggeri / dei corpi spalla da surf in neoprene e così via.

  • NEL CASO DELLA DONNA: I tuoi prodotti Aspirational possono essere delle versioni premium dei costumi da bagno con dei dettagli maggiori ( inserti in cristallo / lamine metalliche / stampe serigrafiche spessorate) che possono con una gonna o pantaloncino funzionare come “intimo” anche alla sera.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E SCARICA GRATUITAMENTE LA GUIDA:

i 5 errori da evitare nella creazione del tuo brand di costumi

Clicca sul pulsante qui sotto
e segui le istruzioni:

Uno schema che illustra la creazione di una linea di costumi da bagno.

MATERIALS: I costumi da bagno non contano una grande scelta di materiali tra i quali scegliere. Nella quasi totalità dei casi si utilizzano fibre sintetiche derivanti da polimeri di plastica come il poliestere nelle sue varie declinazioni.

All’interno di questa tipologia di tessuti possiamo trovarne di differenti qualità / elasticità. Ci sono tessuti che asciugano in fretta, riducono l’abrasione allo sfregamento, lasciano passare i raggi UV-B e non rovinano l’abbronzatura.

Ci sono anche tessuti di poliestere completamente rigenerati da plastica riciclata in mare che possono aiutarti a dare valore alla tua proposta nel caso il tuo cliente target sia sensibile alla sostenibilità e alla circular economy.

APPLICATION: Quando parliamo di tessuti per costumi da bagno parliamo quasi sempre di tessuti di poliestere con una quantità variabile di fibra elastica. I tessuti di poliestere in quanto tessuti sintetici ( derivati da plastica) vengono solitamente tinti in massa. 

A differenza dei tessuti cellulosici o proteici (cotone / seta / viscose ecc..) non possono venire tinti, ma hanno grande resistenza agli agenti atmosferici e solidità alla luce. Tuttavia nel caso di basi di tessuto bianche possono venir facilmente stampati con la stampa ink jet sublimatica.

Il colore è sempre presente nell’immaginario della costumeria per questo anche tu potrai sviluppare pattern e disegni da stampare.

Costumi da bagno.

Alcuni esempio di stampe “tipiche” della costumeria.

COME POSSIAMO VENDERE E LANCIARE LA NOSTRA LINEA DI COSTUMI DA BAGNO?

QUANTO COSTA CREARE UNA LINEA DI COSTUMI DA BAGNO?

Arrivato a questo punto ti starei senza dubbio chiedendo: “Ma quanto mi costa creare la mia linea di costumi da bagno? Andiamo a vederlo insieme! 

Come al solito abbiamo delle voci di costo standard ed alcune variabili a seconda della tua tipologia di prodotto. Ovviamente ti consiglio di usare il link a fine articolo se vuoi sapere di più in dettaglio come potremmo gestire la parte di creazione per TE.

1) TESSUTI: Le famiglie di tessuti con cui solitamente si realizzano i costumi da bagno sono i tessuti sintetici in fibra di Nylon, Tessuti elasticizzati in Lycra per i costumi più aderenti, tessuti in poliestere e così via. Sono solitamente tessuti abbastanza economici e se ne trovano made in Italy a partire da 4.50€ al metro pronti per stampa. Salendo di prezzo puoi trovare tessuti più particolari sia con proprietà tecniche (di peso, leggerezza, mano,) che di marketing più evidenti per esempio tessuti realizzati con reti da pesca recuperate in mare e così via.

La cosa ottima che rende il costo del tessuto una variabile a nostro favore è che solitamente i costumi da bagno consumano molto poco tessuto. Infatti noi compriamo tessuti al metro lineare in altezza solitamente 160 cm quindi possiamo ricavare circa 4 costumi (dipende sempre se sono uomo donna, abbondanti o particolarmente succinti)

2) STAMPA:  La stampa più comune per i costumi da bagno è quella sublimatica a transfer con gli ultimi rincari dovuti alla situazione socio-politica il prezzo si è alzato soprattutto per le piccole quantità ma siamo attorno ai 12€ al metro lineare.

3) MODELLISTICA:  Realizzare un modello di un costume da bagno da zero con il suo sviluppo taglie e lo sdifettamento costa circa 200/250€ 

4) ACCESSORI / ETICHETTE: Il costume necessita oltre a tutte le etichette standard e del nostro brand dei tessuti per la parte interna a contatto con la pelle. Ci sono degli accessori che possono aricchire ulteriormente il nostro costume da bagno come inserti, o ricami.

5) CONFEZIONE: La confezione in Italia di un costume da bagno costa più o meno tra le 15/20€ per le piccole quantità a seconda della difficoltà del modello.

Per darti un idea concreta il prezzo medio di un costume realizzato in Italia in quantità limitate con un buon tessuto finito e pronto per essere venduto dovrebbe costarti tra i 25/35€. Questo ti serve per metterti in chiaro da subito che ti sarà IMPOSSIBILE competere con il Fast Fashion dove mediamente un costume costa tra gli 8€ e i 15€ (realizzato in Bangladesh / Pakistan).

Per questo ti servirà realizzare qualcosa di unico con un brand forte che possa sostenere un moltiplicatore adeguato! (Solitamente un X2.5 o X3) 

COSA FARE DA QUI IN POI?

Abbiamo visto alcune delle caratteristiche che rendono la creazione di una linea da bagno abbastanza semplice! Da un lato abbiamo un prodotto semplice che consuma poco tessuto e può essere meravigliosamente personalizzato con la stampa, dall’altro dobbiamo fare i conti con un costo iniziale che deve essere sostenuto da delle azioni di marketing specifiche e da un brand che sappia trasmettere quell’energia e quel sogno di una vita sulla spiaggia.

Abbiamo visto quali sono le voci principali che compongono il costo di una linea di costumi da bagno in Italia, ovviamente non si venderanno da soli! Per questo dovremo saggiamente calcolare i costi di MARKETING e anche la LOGISTICA sopratutto se vorremo vendere online e spedire fisicamente i nostri prodotti.

Il nostro approccio di BAD affronta tutti questi passaggi e rende tutto facile e comprensibile anche a chi si affaccia per la prima volta a questo mondo della creazione e vendita di una linea moda. Per questo se ti è piaciuto questo articolo e non hai ancora letto il mio libro ti consiglio di COMPRARLO SUBITO.

Per concludere voglio lasciarti con 6 preziosi consigli per iniziare al meglio!

6 CONSIGLI PER INIZIARE AL MEGLIO:

1) Attenti alla gravità: sia per l’uomo che per la donna, il costume da bagno è costruito sul corpo con dei volumi ben precisi che possono variare da persona a persona. Se il discorso della vestibilità in una collezione di abbigliamento è importante nella modellistica di una collezione di costumi ( analogamente all’intimo e alla lingerie) è FONDAMENTALE.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E SCARICA GRATUITAMENTE LA GUIDA:

i 5 errori da evitare nella creazione del tuo brand di costumi

Clicca sul pulsante qui sotto
e segui le istruzioni:

Un uomo in bikini verde su una spiaggia.
Parole chiave: linea, costumi da bagno

Il costume “Alla Borat” è l’esempio simpatico di come un oggetto possa diventare involontariamente ICONICO nonostante le premesse di design completamente sbagliate

2) Cura la Scelta Dei Materiali: Quasi la totalità dei costumi da bagno con pochissime eccezioni è fatta in poliestere o Lycra™ come tutti i materiali possiamo trovarne molte qualità. Nel caso del poliestere se volessimo puntare sul “ingredient branding” ovvero avere qualche “ingrediente speciale” che aggiunge valore ai nostri prodotti sono disponibili sul mercato delle ottime basi di materiali riciclati / provenienti da plastica raccolta in mare e così via. Se questo è in linea con i valori del tuo cliente in target vale la pena considerare questi materiali ( generalmente più costosi) per avere un elemento emotivo da utilizzare nel tuo marketing e nella tua comunicazione.

3) Il Packaging Vuole La sua Parte: Il costume da bagno così come l’intimo e tutti gli articoli di dimensioni ridotte hanno bisogno di un loro packaging dedicato. Questo oltre ad una funzione pratica di “contenere” può aumentare l’impatto e l’esperienza del tuo prodotto. A seconda del tuo prodotto puoi pensare a differenti tipologie di packaging ( sacchetti personalizzati con lo stesso motivo del costume, buste e scatole bio-degradabili, barattoli di vetro, bottiglie).

4) Crea un’esperienza Completa: Nel mio approccio consiglio sempre di partire sempre focalizzati con una categoria di prodotto nel caso del costume da bagno vale invece la filosofia del lifestyle. Per questo scegli degli articoli complementari per costruire la tua Collection Pyramid™. Tieni sempre a mente che il prodotto principale dovranno sempre essere i costumi.

5) Modelli Semplici: ( Ma non troppo) Il costume da bagno è pur sempre una commodity, devi trovare il giusto equilibrio tra funzionalità, estetica e design. Mentre la funzione del costume da bagno è apparentemente quella di coprire il corpo tutto gira attorno alle parti che si lasciano scoperte. Sopratutto nella donna il soggetto è il corpo stesso il soggetto, i tuoi modelli devono rispettarlo, enfatizzarlo e coprirlo / scoprirlo dove serve.

6) Attenti alla stagionalità: La stagionalità non deve essere un limite. Se è vero che da calendario la vendita di costumi segue una sua stagionalità ben precisa devi strutturare il tuo brand, le collezioni e le varie uscite per poter superare la stagionalità classica continuando a vendere qualcosa.

Puoi fare questo vendendo in mercati differenti che hanno una stagionalità diversa dalla nostra. O proponendo nei periodi “freddi” dei prodotti complementari in linea con la nostra filosofia.

VUOI COSTRUIRE IL TUO BRAND E REALIZZARE LA TUA LINEA DI COSTUMI MA NON SAI DA DOVE COMINCIARE?

Schizzo di un abito femminile che incorpora la progettazione stilistica.
Esempio work in progress di alcune proposte di design per dei nostri clienti

Quali sono stati i trend del 2023 nel mondo dei costumi da bagno?

Incorporazione di Gioielli: Una delle tendenze emerse per il 2023 è l’uso di gioielli e dettagli preziosi nei costumi da bagno, che aggiungono un tocco di lusso e distinzione.

Tonalità Terrose: I colori marroni e le tonalità terrose sono diventati una tendenza dominante, riflettendo un’estetica minimalista che risuona con le tendenze più ampie della moda.

Scollature Halter: Le scollature halter sono diventate popolari sia nei top che nei vestiti di moda, e questa tendenza si è estesa anche ai costumi da bagno, offrendo un look alla moda e versatile.

Uso di Sciarpe di Seta: Per la protezione solare, oltre alla crema SPF, le sciarpe di seta sono diventate un accessorio di moda preferito, aggiungendo un tocco elegante e funzionale.

Costumi Riflettenti: Costumi super-lucidi, sia in foil che in Lurex, sono diventati molto popolari, con colori saturi come il cobalto o il verde, o tonalità delicate come l’argento.

Camicie di Lino: Un altro trend è l’uso di camicie di lino rilassate sopra i costumi da bagno, una scelta pratica sia per la città che per la spiaggia, con una preferenza per colori vivaci.

Una tavolozza di colori per costumi da bagno da donna.

Quali saranno invece alcuni trend nel mondo della moda mare per il 2024?

Tessuti Testurizzati: I tessuti con texture come quelli a coste, seersucker e ruches aggiungono profondità e interesse visivo ai costumi da bagno, rendendoli una scelta di moda per la spiaggia o la piscina.

Dettagli Cutout e Strappy: I dettagli cutout e le intricate cinghie sono in voga, offrendo un modo unico per mostrare un po’ di pelle mantenendo la struttura e il supporto del capo.

Fondi a Taglio Alto: I fondi bikini ispirati agli anni ’80 con taglio alto sono tornati alla grande, creando un’illusione di gambe più lunghe e una vita più definita.

Tonalità Terrose e Neutre: Colori come sabbia, verde oliva, terracotta e pastelli tenui sono in voga, evocando una bellezza naturale perfetta per il relax in spiaggia.

Stili Asimmetrici: L’asimmetria sta dominando il design dei costumi da bagno, con top monospalla e dettagli fuori centro che aggiungono un tocco inaspettato ai classici silhouette.

Pattern Retrò: I pattern retrò stanno facendo un ritorno, con stampe floreali vintage, pois e grafiche che offrono un’estetica giocosa e affascinante.

Sostenibilità: L’uso di tessuti ecologici e pratiche sostenibili sta diventando sempre più popolare, con marchi che incorporano materiali riciclati e processi rispettosi dell’ambiente.

Vibrazioni Sportive: I costumi da bagno sportivi sono in aumento, adatti per chi ama uno stile di vita attivo in spiaggia, con top racerback, scollature alte e pezzi unici eleganti con dettagli ispirati all’atletica.

Colore Rosa: Il rosa non è solo un colore, ma un atteggiamento, amato per il suo temperamento gentile, stabile, nobile ed elegante.

Stampa a Effetto Ricamo: La tecnologia di stampa digitale consente di ottenere un effetto ricamo raffinato, offrendo un’alternativa accessibile ai costumi da bagno ricamati a mano.

Tessuti Luccicanti: I tessuti metallici aggiungono un tocco di eleganza a qualsiasi outfit, rendendo i costumi da bagno più luminosi e adatti anche per occasioni sociali dopo la spiaggia.

Design con Fibbie: I design con fibbie possono ravvivare i costumi da bagno e renderli unici, con diverse fibbie o posizioni per effetti sorprendenti.

Colori Vivaci: Tra i colori di tendenza per il 2024 ci sono l’Optic White, il Black, il Sea Kelp, il Radiant Red, il Nutshell, il Tidal Teal, il Gold, il Cornflower e il Galactic Cobalt Shimmer.

Se vuoi scoprire altre tendenze per il 2024 nella moda e abbigliamento ho scritto QUI un articolo!

Una vasta gamma di costumi da bagno e accessori da donna.

SE TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO SCRIVIMI UN COMMENTO QUA SOTTO E CONDIVIDILO, SARÀ UN PIACERE RISPONDERTI 😉

Vuoi entrare in un percorso innovativo insieme a me e altri studenti visionari dove partiremo alla conquista del mondo della moda? Fidati, Insieme nulla potrà fermarci nemmeno i costumi alla Borat!

ATTENZIONE!

Se hai letto questo articolo è perchè sei sicuramente un appassionato di moda,ma il vero motivo per cui leggi questi argomenti sul mio sito e non su una rivista di moda

è perché molto probabilmente da diverso tempo hai nel cassetto
l’idea di creare un tuo brand di moda.

Sono Corrado Manenti e ormai da più di 10 anni ho fondato il primo ufficio stile indipendente specializzato nell’ affiancare i designer emergenti nello sviluppo delle loro collezioni e nel loro percorso di auto imprenditorialità.

Se sei uno stilista o semplicemente un creativo e hai sempre sognato di realizzare una tua collezione di moda e venderla sei nel posto giusto!

Il 2024 sarà l’anno giusto per dar vita al tuo progetto?
Fissa una consulenza gratuita con me e valutiamo insieme il futuro del tuo progetto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E SCARICA GRATUITAMENTE LA GUIDA:

i 5 errori da evitare nella creazione del tuo brand di costumi

Clicca sul pulsante qui sotto
e segui le istruzioni:

Un libro intitolato "Come si crea una linea di costumi da bagno?" su un tavolo.

Da Corrado è tutto!

Al prossimo articolo!

FISSA UNA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO DEL MIO TEAM PER VALUTARE IL TUO PROGETTO!

CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO E PRENOTA LA CALL DALLE DISPONIBILITA’ IN CALENDARIO:
Corrado Manenti, il designer dei designer, mette in mostra il suo lavoro in Elementor Articolo singolo #3277.
4.7 3 votes
Punteggio articolo
Abbonarsi
Notificami
guest
1 Comment
Il più vecchio
Più recente I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Hayat
Hayat
1 anno fa

Merci tous ces conseils vont probablement m’aider

Parlano di noi

Alcune delle principali testate giornalistiche hanno già iniziato a parlare del nostro progetto e dei nostri clienti con grande entusiasmo e attenzione. Questa risonanza mediatica è la testimonianza del nostro impegno e della nostra professionalità nel promuovere il made in Italy nel mondo. In breve tempo siamo diventati un punto di riferimento per tutto il segmento degli stilisti emergenti 

Un iPad con l'immagine di una donna in bikini e di una donna in bikini.

Scarica la guida
"I 5 ERRORI DA EVITARE NELLA CREAZIONE DEL TUO BRAND DI COSTUMI"

I 5 ERRORI DA EVITARE NELLA CREAZIONE DEL TUO BRAND DI COSTUMI

Scarica il materiale GRATUITO sul Canvas

Tablet che mostra una pubblicità di strumenti aziendali di design di moda e lead magnet circondata da vari articoli e immagini legati alla moda.
Guida + Fashion Business Designer Canvas
Un uomo in abito in piedi accanto a un manichino per un blog di moda.