Introduzione al canvas: ti presento il fashion business designer

Articolo scritto da:
Corrado Manenti
Aiutaci a far girare la voce!
Condividi questo articolo:
INTRODUZIONE AL CANVAS: TI PRESENTO IL FASHION BUSINESS DESIGNER

COME FUNZIONA IL CANVAS PER REALIZZARE IL TUO BRAND? IN QUESTO ARTICOLO TI PRESENTO IL FASHION BUSINESS DESIGNER LO STRUMENTO CHE HO IDEATO PER AIUTARTI NELLA CREAZIONE DEL TUO BRAND DI MODA

Ciao e benvenuti in questa sezione della Fashion Business Academy dove ti spiego come funziona il Canvas e soprattutto ti mostro che cos’è e in che modo ti può aiutare nella costruzione di quello che sarà il tuo brand e la tua linea di prodotti nella moda o in ambiti simili.

Cominciamo con una visione d’insieme del nostro canvas!

- Introduzione al canvas: ti presento il fashion business designer - 1

Il primo consiglio che ti posso dare in questa lezione è quello di scaricare le risorse, puoi andare sulla sezione scarica canvas e cliccando si scaricherà questo canvas in PDF pronto da stampare.

Per questa spiegazione te lo mostrerò in maniera digitale ma è molto più pratico che tu ce l’abbia cartaceo fisico e messo appeso da qualche parte proprio perché è uno strumento visuale e come tutti gli strumenti visuali devi vedere come nasce e come si evolve nel tempo.

Il canvas nasce dal mondo dell’organizzazione aziendale.

Canvas si traduce appunto con “tela” e come tutte le tele bisogna andare a scriverci sopra qualcosa a “dipingere” dei concetti quindi ci serve un po come mappa del tesoro che ci mostra il percorso che dobbiamo fare a partire dall’inizio fino ad arrivare a quando i nostri prodotti sono pronti e quindi quando il nostro modello di business funziona.

Quindi la prima cosa che devi fare è appunto stamparlo trovi tutte le risorse all’ interno della tua area riservata nella Fashion Business Academy nella tua area riservata ed accedere al video corso gratuito dove trovi anche tutti i materiali scaricabili]

Qui in alto trovi il nome dello strumento che è appunto il fashion designer se tu cerchi su Internet ci sono tanti altri Canvas Il più famoso è quello di Strategyzer che parla del business model canvas. Questo invece è dedicato alla moda ed è per questo che lo troverai particolarmente interessante.

Nella parte alta devi scrivere come intendi chiamare il tuo progetto che non deve necessariamente coincidere con il nome del tuo brand.

Probabilmente in questa fase non sai ancora come si chiamerà il tuo brand. Però è interessante se tu hai più progetti più idee che tu scriva il nome e la data in cui inizia a compilarlo.

Questo può sembrare una banalità ma ti sarà molto utile per poi vedere anche col senno del poi quando andrai a ripercorrere tutto il percorso fatto fin qui vedere quando hai cominciato che ti darà un minimo di storicità e ti farà capire che questa mappa che deve seguire è un percorso che porti avanti nel tempo.

Il canvas in sé è diviso in quattro sezioni e ogni sezione copre degli argomenti specifici

Se tu hai il mio libro in mano potrai vedere come alla fine di ogni capitolo gli argomenti vanno in pari pari con il canvas proprio perché l’approccio che tu devi avere è un approccio sequenziale.

SE NON HAI ANCORA IL MANUALE E TI INTERESSA ACQUISTARLO LO PUOI TROVARE QUI

Cosa vuol dire approccio sequenziale? Significa che ha poco senso se tu salti da una parte all’altra del canvas senza prima aver seguito linearmente l’intero processo.

Questo è fatto soprattutto per aiutarti! In alcuni casi magari avrai già delle idee o dei tasselli pieni perché magari non sempre si inizia con un’attività nuova.

Il canvas funziona bene anche ad esempio se tu hai già un brand per fare un’altra linea quindi potresti avere già dei blocchi che si riempiono.

Il mio consiglio è comunque partire almeno la prima volta dall’inizio per poi andare a modificare solamente le cose che poi prenderanno una forma diversa man mano che le fai. Come ti dicevo le sezioni principali sono quattro.

- Introduzione al canvas: ti presento il fashion business designer - 2

INTRODUZIONE AL MONDO DEI CANVAS

Il Fashion Business Designer è pensato soprattutto per la creazione di prodotti in serie quindi si sposa bene in  tipologie di business dove si parla non tanto di prodotti singoli ma di collezione.

E’ stato pensato nello specifico per la moda ma va bene anche per il design e per tutta la creazione in serie di oggettistica e accessori e così via.

Partiamo un pò dalla struttura del canvas, analogamente al moodboard è uno strumento visivo è soprattutto una cosa che devi stampare molto grossa!

Puoi ben vedere quando lo uso nei miei video sulla mia lavagna digitale è addirittura enorme!

LE QUATTRO AREE DEL CANVAS:

- Introduzione al canvas: ti presento il fashion business designer - 3

IDEAZIONE E CREAZIONE DELL’ARCHITETTURA DEL TUO BRAND E DEL TUO SISTEMA DI VALORI:

La prima è caratterizzata dal colore rosso. Il Brand design è appunto tutto quello che sta dietro la struttura dell’architettura del nostro brand Brand non inteso tanto come un logo brand ma come contenitore concettuale all’interno del quale noi creiamo raccogliamo dei valori che poi andremo a mettere sui prodotti.

- Introduzione al canvas: ti presento il fashion business designer - 4

PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PROTOTIPI E DELLA COLLEZIONE:

I prodotti li troviamo nella parte classica dello sviluppo della collezione che normalmente è in blu.

Questo è lo stesso approccio che ho presentato come mio progetto nella mia tesi in ingegneria tessile quando ho studiato questo approccio proprio come progetto di tesi e appunto dal 2018.

Da allora sono andato avanti e l’ho sviluppato ulteriormente questa è l’edizione diciamo “classica” e i colori di riferimento delle varie sezioni sono rimasti quelli originali della presentazione.

Nella Seconda sezione c’è il collection design quindi la parte classica e canonica della realizzazione del prodotto di una collezione.

STRATEGIE PER ARRIVARE SUL MERCATO:

La terza parte invece con il colore giallo racchiude due cose ugualmente importanti il marketing e la distribuzione. Entrambi questi aspetti della moda corrono un pò di pari passo.

Quindi è la parte che ci spiega appunto come strutturare la distribuzione la strategia di pricing e il marketing come quindi portare sul mercato quello che tu hai progettato nel Collection Design.

- Introduzione al canvas: ti presento il fashion business designer - 5

GESTIONE IMPRENDITORIALE E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE:

L’ultima sezione non meno importante è quella delle operations normalmente con il colore verde opere sono tutte quelle attività che ti portano ad essere un imprenditore ovviamente non avrebbe nessun senso creare dei prodotti se poi non hai dietro un metodo automatizzato ed un’azienda per venderli. Quindi la parte importante di prendere ordini è fare magazzino inventario e il delivery ovvero portarli poi ai clienti.

- Introduzione al canvas: ti presento il fashion business designer - 6

Come puoi notare in varie parti del Canvas c’è una sezione dedicata ai costi. La troviamo ad esempio qui dove alla fine dello sviluppo della collezione dove noi andremo a sapere quanti euro abbiamo speso per arrivare dalla nostra idea ai prototipi.

E anche qui soprattutto quando poi dovremo aggiungere i costi che vanno appunto ad andare ad aggiungersi per portare sul mercato il nostro prodotto.

COSA SUCCEDE UNA VOLTA CHE HAI COMPLETATO IL TUO CANVAS?

una volta arrivato alla fine del canvas potrai ricominciare con una nuova collezione e quindi non sarà necessario che tu vada a rivedere i concetti del Brand design perché appunto un brand si costruisce con la coerenza ma potrai seguire la freccia e ricominciare con una nuova collezione e quindi con il moodboard e lo storytelling.

Questa è la struttura del canvas e ti accompagnerà pari pari con i capitoli del libro e nel tuo percorso con noi di Be A Designer.

[ se tu seguirai il libro e farai gli esercizi rispondere alle domande e alla fine di ogni capitolo vedrai che automaticamente il tuo Canvas si andrà riempiendo]

Come si riempiono le caselle del nostro canvas? Ovviamente non ti consiglio di scrivere come ho fatto io in questo modo pasticciato (se hai visto il video) con i colori.

L’approccio classico dei Canvas vuole l’utilizzo dei post-it™ quindi ogni spazio ogni “quadratino” si andrà ad apporre un post-it dove potrai scrivere appunto le tue riflessioni e alla fine avrai una mappa che ti guiderà nello sviluppare il tuo brand.

CONCLUSIONE:

Per questo articolo è tutto nei prossimi articoli andrò un pò più in dettaglio e ti farò vedere tutte le quattro sezioni e cosa sono i vari spazi e i vari compiti che li compongono e andremo poi a vedere insieme come si fa ad utilizzare al meglio questo potentissimo strumento.

Ti è piaciuto questo articolo? Lasciami un commento qui sotto e condividilo sui tuoi social con tutti quelli che potrebbero apprezzarlo!

Da Corrado è tutto! Al prossimo articolo!

0 0 votes
Punteggio articolo
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
it_ITItalian

Scopri il mio nuovo corso in Aula a Milano:

24-25 novembre e il 6-7 dicembre

Be A Desinger

Be A Desinger

Solitamente risponde entro 5 minuti

I will be back soon

Be A Desinger
👋 Ciao e Benvenuto!
Hai qualche domanda che desideri farmi?
WhatsApp