Come Creare Una Linea Streetwear?

Articolo scritto da:
Corrado Manenti
Aiutaci a far girare la voce!
Condividi questo articolo:
Creare una linea streetwear.
Argomenti trattati in questo articolo:

Tabella dei Contenuti

Come creare una linea Streetwear:

In questo articolo parliamo di una tematica sempre presente nel nostro lavoro di ufficio stile: creare una linea Streetwear. Partendo da una panoramica su questo peculiare segmento di mercato andremo a vedere, stilisti, capi iconici e quali lezioni possiamo imparare su come costruire un brand streetwear! Io sono Corrado Manenti e sarò la tua guida in questo viaggio!

Iniziamo con una grande considerazione lo streetwear è ben più di una semplice tendenza moda; è un fenomeno culturale che ha le sue radici nella cultura urbana, nella musica hip-hop e nel mondo dello skate. Ma nonostante abbia radici negli anni ottanta è ancora attualissimo ed è un macro trend che ha saputo influenzare il modo di fare moda di ogni stilista contemporaneo. Sembrerebbe una battuta:

Nella moda passa tutto, …lo streetwear no!

Grandi nomi come Virgil Abloh di Off-White e James Jebbia di Supreme sono diventati pietre miliari in questo settore, dimostrando che lo streetwear è un ponte tra l’ alta moda e la cultura di strada. In un connubio ossimorico ed esagerato che pur avvicinandosi allo “stereotipo” è sempre di moda, piace e soprattutto continua a vendere!

Le loro creazioni non solo riflettono un’estetica, ma raccontano storie, esprimendo un messaggio o un’idea. Ma quali sono quei capi che hanno reso il fenomeno dello streetwear così iconico e irresistibile?

Il mondo dello streetwear ha le sue peculiarità.

Si tratta di una combinazione di moda, cultura urbana e spesso di musica. Partito come fenomeno di nicchia è diventato mainstream.

Ma in cosa differisce dall’activewear o dalla moda tradizionale?

Cosa significa “esprimere lo stile da strada”? Come si organizza un business di abbigliamento streetwear? Qual è il ruolo delle collaborazioni e delle edizioni limitate? Come possiamo vendere prodotti ad un prezzo simbolico alto in virtù della loro iconicità?

Queste sono solo alcune delle domande a cui cercheremo di rispondere.  E lo faremo nella filosofia di Be A Designer ovvero di spiegare a stilisti e imprenditori come creare prodotti che vendono e che siano desiderati dai nostri clienti. Creare un business di successo profittevole che ti consenta di vivere delle tue passioni! Per sfruttare al meglio questi consigli e avere il meglio dal nostro metodo hai due soluzioni:

1) ISCRIVERTI ALLA NOSTRA FASHION BUSINESS ACADEMY: La prima accademia online dedicata al mondo della moda e della imprenditoria, dove potrai imparare da solo e in autonomia le basi per la creazione del tuo progetto. Trovi qui tutte le info per iscriverti ad un prezzo speciale

2) CREARE UNA COLLEZIONE CON NOI: Prenderemo la tua idea e la trasformeremo in qualcosa di grande, realizzeremo per te il tuo brand e i tuoi prodotti pronti per essere venduti. Puoi prenotare quando vuoi una call gratuita con me e il mio team cliccando QUI.

Che tu decida di imparare come farla da solo o tu voglia farti seguire nellla realizzazione del tuo brand in questo articolo proverò a svelarti alcuni  segreti per creare una linea di abbigliamento streetwear autentica e rappresentativa.

Utilizzeremo il nostro strumento, il Fashion Business Designer™, ideato da me, per rendere tutto il processo più snodato e comprensibile. [Trovi qui l’articolo che te lo descrive in dettaglio] ma non temere avrai modo di conoscerlo!

Siete pronti? Cominciamo!

 

Un uomo indossa una giacca.

Introduzione al fenomeno dello Streetwear

Lo streetwear, a prima vista, può sembrare semplicemente un altro stile di moda. Tuttavia, è molto più di un trend o di un capo d’abbigliamento: è un movimento culturale. Per questo è diventato un modo di esprimersi, una filosofia, che ha influenzato radicalmente NON solo gli appassionati e i cultori ma anche moltissimi brand di moda e di lusso. A differenza dei trend di mercato passeggeri lo streetwear esiste da quasi 40 anni, gode di ottima salute! 

Nato negli anni ’80 e ’90 tra le strade di New York, Los Angeles e Tokyo, lo streetwear ha le sue radici nella cultura hip-hop, nello skateboarding, e in elementi presi dalla cultura punk. Ma, con il passare del tempo, ha assorbito influenze da innumerevoli sottoculture, dalla musica alla street art.

Il vero appeal dello streetwear non sta solo nei suoi design audaci e spesso provocatori, ma nella sua capacità di raccontare storie. Ogni t-shirt grafica, ogni sneaker in edizione limitata, e ogni cappellino da baseball racconta una storia di ribellione, individualità e appartenenza. Questi non sono semplici vestiti: sono dichiarazioni d’identità.

Nel corso degli anni, quello che era iniziato come un modesto movimento di controcultura si è trasformato in un gigantesco settore industriale, con alcune marche di streetwear che si sono evolute in veri e propri colossi della moda. Ma, nonostante il suo immenso successo commerciale, lo streetwear ha mantenuto la sua anima autentica, rimanendo fedele alle sue radici di strada.

È questo mix unico di cultura, moda e storia che rende lo streetwear così irresistibile e rilevante. Ogni nuovo capo rappresenta una fusione tra il passato e il presente, tra l’arte e il commercio, tra l’individuo e la comunità. E in questo intricato intreccio risiede la magia dello streetwear.

Come Creare Una Linea Streetwear: La parete di legno di una stanza.

Stilisti che hanno lasciato un'segno indelebile nello Streetwear:

Lo streetwear è un fenomeno che ha sfidato la tradizione, portando nuove idee e una fresca brezza di ribellione nel mondo della moda. Molte delle figure di spicco in questo segmento non hanno avuto una formazione tradizionale nella moda, ma sono emerse direttamente dalle strade, con una visione audace e autentica. Ecco alcuni degli stilisti e dei marchi che hanno definito e plasmato l’essenza dello streetwear:

  1. Shawn Stussy: Considerato da molti come uno dei padri fondatori dello streetwear, Shawn Stussy ha iniziato la sua carriera disegnando e vendendo tavole da surf. La sua firma stilizzata, che in seguito è diventata il logo dell’omonimo marchio, “Stüssy”, è stata incisa su tavole da surf prima di comparire su t-shirt e cappellini. Stüssy ha sperimentato con vari stili, dal reggae al punk, ed è stato uno dei primi a fonde l’estetica dello skate con la moda.

  2. James Jebbia e Supreme: Fondato nel 1994 a New York, Supreme è diventato sinomimo di streetwear di lusso. Sebbene inizialmente fosse concentrato sulla cultura skate, il marchio è diventato un’icona globale, collaborando con artisti, musicisti e persino marchi di alta moda come Louis Vuitton.

  3. Virgil Abloh: Dall’essere DJ e consulente artistico per Kanye West, Abloh ha creato “Off-White”, un marchio che mescola l’estetica dello streetwear con elementi di alta moda. Le sue strisce diagonali e le virgolette sono diventate simboli riconoscibili a livello mondiale. In seguito, Abloh è diventato il direttore artistico per le collezioni uomo di Louis Vuitton, rompendo ulteriormente le barriere tra l’alta moda e lo streetwear.

  4. Nigo: Fondatore del marchio BAPE (A Bathing Ape), Nigo ha portato lo streetwear giapponese alla ribalta mondiale. Con il suo camo distintivo, le felpe con cappuccio con cerniera integrale e le collaborazioni con artisti come Pharrell Williams, BAPE è diventato un pilastro nello streetwear.

  5. Yohji Yamamoto e adidas: Sebbene Yamamoto fosse già un affermato stilista di alta moda, la sua collaborazione con adidas, denominata Y-3, ha contribuito a definire l’attuale ondata di “athleisure” e streetwear di lusso. I design minimalisti ma stravaganti di Y-3 hanno influenzato molti marchi che sono seguiti.

Questi stilisti e marchi hanno fatto più di chiunque altro per plasmare il volto dello streetwear, dimostrando che la moda può emergere dalle strade e influenzare il mondo intero. 

La loro audacia, originalità e capacità di catturare l’essenza di un momento hanno garantito loro un posto nell’olimpo della moda legittimandosi a fianco a firme e stilisti “tradizionali”.                           E mentre lo streetwear continua a evolversi, l’eredità di questi pionieri rimane indelebile.

Una rivista di streetwear.
Un libro aperto che mostra una sneaker Nike Air Force, che incarna elementi streetwear.

Eventi e Cultura alla base di un fenomeno di massa:

La cultura streetwear, nata negli anni ’80, ha avuto numerosi eventi e influenze culturali che hanno contribuito a modellare e definire la sua essenza e la sua direzione. Da stilisti e imprenditori dobbiamo capire come il nostro mercato di riferimento si sia evoluto nel tempo

Ecco alcuni degli eventi e dei movimenti culturali più significativi che hanno influenzato la cultura streetwear e la moda:

  1. L’ascesa dell’Hip-Hop: Durante gli anni ’80 e ’90, l’hip-hop emerse non solo come genere musicale, ma anche come movimento culturale. Artisti come Run DMC indossavano Adidas Superstars senza lacci, mentre altri rappers sfoggiavano marchi come Tommy Hilfiger, Polo Ralph Lauren e later, Sean John di P. Diddy, trasformando questi marchi in icone dello streetwear.

  2. La cultura skate: Marchi come Vans, Stussy e Supreme sono nati direttamente dalla cultura skate, unendo stile di strada con autenticità.

  3. Il basket e le sneakers: Michael Jordan ha lanciato le sue iconiche Air Jordans negli anni ’80, e da allora le scarpe da ginnastica sono diventate un punto fermo nello streetwear. La “sneaker culture” è cresciuta in parallelo, con persone che si mettevano in fila per ore per ottenere l’ultima release.

  4. Il movimento punk: Anche se diverso dall’hip-hop, il punk ha influenzato lo streetwear con il suo atteggiamento ribelle, DIY (do-it-yourself) e grafiche audaci. Think marchi come Thrasher.

  5. L’influenza giapponese: Marchi come BAPE (A Bathing Ape), Comme des Garçons e Neighborhood hanno portato un’estetica unica e innovativa allo streetwear, mescolando influenze tradizionali con design contemporanei.

  6. L’era digitale e la nascita di Hypebeast: Con l’avvento di internet e dei social media, la cultura dello streetwear è diventata globale. Hypebeast, iniziato come blog, è diventato un barometro per le ultime tendenze nello streetwear.

  7. Collaborazioni di lusso: Il 2017 ha visto una delle collaborazioni più significative quando Louis Vuitton si è unito a Supreme per una collezione. Questo ha segnato un riconoscimento del mondo della moda d’alta classe della rilevanza e dell’impatto dello streetwear.

  8. L’ascesa del “drop culture”: L’idea di rilasci limitati, spesso commercializzati come “drops”, è diventata una strategia standard nel mondo dello streetwear. Questi lanci creano urgenza, esclusività e hype intorno ai prodotti.

  9. Attivismo e streetwear: Marchi come Patagonia e The North Face hanno iniziato a integrare messaggi di sostenibilità e attivismo nei loro design e marketing, riflettendo una crescente consapevolezza sociale tra i consumatori.

Una linea streetwear ispirata ai paesaggi urbani.

Brand Design: Come Costruire il tuo Brand Streetwear

La creazione di un brand streetwear di successo inizia con la definizione chiara della tua identità di marca. Questo significa capire non solo il design e il prodotto che vuoi offrire, ma anche la storia e i valori che desideri comunicare ai tuoi clienti.

Nel corso degli anni, in Be A Designer, abbiamo scoperto che i brand più risonanti sono quelli che si collegano autenticamente con le loro audience attraverso una narrazione coerente e un’immagine distintiva. Considera questi elementi fondamentali:

Visione e Valori: Qual è la filosofia alla base del tuo brand? Cosa lo rende unico?

Target Audience: Chi vuoi raggiungere? Quali sono i loro interessi, stili di vita e preferenze?

Storia del Brand: Ogni marca ha una storia. Qual è la tua e come puoi raccontarla in modo coinvolgente?

Abbiamo parlato molte volte in questi approfondimenti del nostro blog di STORYTELLING e dell’importanza di una narrazione coerente (ed emozionante) di noi e del nostro brand. Puoi trovare un ARTICOLO che approfondisce questi elementi in dettaglio qui.

Nelle prossime sezioni, ti guiderò attraverso il processo di sviluppo di questi elementi chiave, ponendo le basi per un brand streetwear che risuoni veramente con il tuo pubblico.

Un diagramma di un business plan per l'abbigliamento sportivo con sopra la scritta 'brand design'.

Collection Design: Elementi di una collezione Streetwear

L’estetica streetwear è un’affascinante fusione di subculture urbane, influenze musicali e richiami alle tendenze passate. Al centro di questo stile vi è una sfida costante alle convenzioni della moda tradizionale, traducendosi in scelte audaci e spesso controcorrente.

Un elemento cardine dell’estetica streetwear è l’approccio “oversize”.

Questa tendenza, che vede capi di abbigliamento intenzionalmente più larghi e lunghi, non è solo una scelta di stile, ma rappresenta un’attitudine: una dichiarazione di comfort, nonchalance e una leggera ribellione contro le silhouette sartoriali tradizionali.

In netta contrapposizione se dovessi invece creare una linea activewear / sportiva come abbiamo visto in questo approfondimento.

Un disegno di una giacca con cappuccio.
Se dovessi cercare di identificare i capi più iconici dello Streetwear potremmo senza dubbio dire: Maglietta, Felpa , Cappellino

Le stampe giocano un ruolo cruciale, spesso caratterizzate da grafiche audaci, messaggi provocatori o riferimenti alla cultura pop, che trasmettono l’identità e l’atteggiamento di chi le indossa.

Non è raro vedere loghi reinterpretati, immagini iconiche e persino arte di strada trasferite direttamente sui capi. Materiali come il denim strappato, il cotone pesante e il nylon sono spesso protagonisti, offrendo un mix di funzionalità e stile.

Accessori come cappellini da baseball, sneakers chunky e catene dorate completano l’ensemble, arricchendo ulteriormente il linguaggio visivo dello streetwear.

Nel complesso, l’estetica streetwear è una celebrazione dell’individualismo, un crogiolo di influenze diverse che si fondono insieme per creare qualcosa di unico, rilevante e costantemente in evoluzione.

T-shirt grafiche: Il cuore pulsante dello streetwear. Una tela per esprimere ideologie, passioni e appartenenze. Le T-shirt box logo di Supreme, ad esempio, sono diventate simboli di status nel mondo della moda urbana.

Felpa con cappuccio: Comoda e sempre attuale, spesso abbellita con loghi o grafiche accattivanti, come le felpe di Bape e Champion.

Sneakers: Più di un semplice accessorio, sono diventate vere e proprie opere d’arte collezionabili. Le Yeezy di adidas, ideate da Kanye West, ne sono un esempio emblematico.

Cappellini da baseball e berretti: Non solo per proteggere dal sole, ma veri e propri dichiarazioni di stile. I cappellini New Era ne sono un esempio lampante.

Pantaloncini cargo e jogger: Funzionalità e stile si fondono in capi come i pantaloncini cargo di Carhartt, essenziali nel guardaroba streetwear.

Giacche: Le giacche, come il bomber MA-1 di Alpha Industries, non solo proteggono dal freddo, ma aggiungono un tocco di classe a qualsiasi outfit.

Accessori: Zaini e borse a tracolla, come quelli di Herschel Supply Co., completano il look e sono spesso utilizzati per esprimere individualità e appartenenza.

 

Una linea streetwear con una serie di cappelli unici.

L'Intelligenza Artificiale e la Progettazione Grafica nello Streetwear

Possiamo senza dubbio affermare che il 2023 sia stato un anno cruciale nello sviluppo delle intelligenze artificiali. Se prima erano solamente dei concetti astratti relegati a qualche film di fantascienza ispirato alla narrativa di Philip Dick ( Ve lo ricordate Io Robot?) Oggi sono diventate non solo una realtà quotidiana ma un utile strumento anche per il nostro modo di creare oggetti e sviluppare nuove idee.

Se prima dovevamo essere dei grafici / illustratori esperti per “buttare giù” le nostre idee su carta o su Illustrator oggi grazie alle intelligenze artificiali ( o meglio a una combinazione di esse) possiamo realizzare delle immagini grafiche originali inimmaginabili! E visto che stiamo parlando di come realizzare un brand streetwear il ruolo delle grafiche e delle immagini è fondamentale!

Ne ho anche parlato nel mio recente webinar:ì dal titolo: “Fashion & AI” dove ti faccio vedere tutto il processo. Lo trovi all’interno della FASHION BUSINESS ACADEMY. Dove c’è anche un corso pratico che ti insegna come fare. Che tu sia scettico o entusiasta riguardo alle AI sappi che una cosa è certa: 

Le Intelligenze Artificiali sono già QUI, non possiamo in nessun modo frenarle o ostacolarne il progresso, possiamo solo domandarci in che modo possono aiutarci nel fare meglio il nostro lavoro.

Ti basterà vedere le immagini qui sotto per capire le potenzialità!

Ovviamente tra generare una bella immagine e poi “piazzarla” efficacemente su una maglietta / felpa c’è un abisso. Nonostante sia semplice realizzare delle immagini per poi poterle utilizzare dobbiamo modificarle e “vettorializzarle” altrimenti rischiamo che l’effetto non sia quello desiderato!

Ma l’uso di intelligenze artificiali come Midjourney possono davvero aiutarti a trovare idee, una tua estetica e non ultimo nel realizzare i tuoi moodboard! Che è una delle attività fondamentali soprattutto all’inizio del tuo processo creativo.

Se vuoi approfondire l’argomento ne ho parlato in modo approfondito in questo articolo.

 

Quattro immagini di uomini che indossano t-shirt e cappelli in stile streetwear.
Qui puoi vedere alcune immagini che ho realizzato utilizzando alcuni Tool di Intelligenza Artificiale per il Webinar Fashion & AI

10 Lezioni da i Maestri dello Streetwear:

Le lezioni da trarre dai “grandi dello streetwear” sono innumerevoli. Questi pionieri non solo hanno definito un segmento della moda, ma hanno anche ridefinito le regole dell’industria. Ecco alcune lezioni cruciali che uno stilista emergente può trarre dai loro percorsi:

  1. Autenticità prima di tutto: La maggior parte degli stilisti di streetwear di successo ha tratto ispirazione direttamente dalle proprie esperienze, culture e comunità. Non hanno cercato di emulare tendenze preesistenti, ma hanno portato nella moda le loro autentiche visioni e voci.

  2. Osare è necessario: Molti di questi stilisti hanno adottato approcci non convenzionali, sperimentando e spingendo i confini di ciò che è accettabile o aspettato nella moda. L’innovazione e la voglia di differenziarsi sono state fondamentali per il loro successo.

  3. Le collaborazioni sono potenti: Che si tratti di collaborare con artisti, musicisti, altri marchi o persino settori completamente diversi, le partnership possono portare a idee fresche e ampliare la portata di un marchio.

  4. Ascolta e coinvolgi la tua comunità: Supreme, ad esempio, ha creato un culto attorno al proprio marchio grazie a un forte legame con la sua base di fan. Interagire con la propria comunità e rispondere alle loro esigenze è fondamentale.

  5. Qualità e coerenza sono chiave: Nonostante le fluttuazioni delle tendenze, mantenere una qualità costante e rimanere fedeli ai principi fondamentali del marchio aiuta a costruire fiducia e lealtà a lungo termine tra i consumatori.

  6. Essere al passo coi tempi: Anche se è essenziale rimanere autentici, è altrettanto importante rimanere rilevanti. Ciò significa essere consapevoli delle mutevoli dinamiche culturali e sociali e adattare di conseguenza la propria visione e i propri prodotti.

  7. La narrativa del marchio è potente: Creare e mantenere una storia o un’identità di marca coerente può aiutare a costruire un legame emotivo con il pubblico. La storia dietro un marchio rende i prodotti più che semplici oggetti materiali.

  8. Riconoscere e abbracciare le proprie radici: Anche con il successo globale, molti grandi marchi di streetwear rimangono fedeli alle loro origini, celebrando e attingendo da dove sono cominciati.

  9. Adattabilità: Il mondo della moda cambia rapidamente. La capacità di adattarsi, sia in termini di design che di strategia di business, può determinare il successo a lungo termine.

  10. L’importanza dell’accessibilità: Mentre la rarefazione può creare desiderio, garantire che ci sia sempre qualcosa di accessibile per il fan medio assicura una base di clienti costante e leale.

In definitiva, la lezione più grande è che, con passione, visione e determinazione, è possibile sfidare le convenzioni e creare qualcosa di trascendentale. Gli stilisti emergenti devono trovare il proprio percorso unico, ma possono guardare ai “grandi dello streetwear” come fonte di ispirazione e guida.

Conclusione:

In conclusione, il viaggio nel mondo dello streetwear è un percorso di continua innovazione e autenticità. I grandi del settore hanno insegnato l’importanza di restare fedeli alle proprie radici, osare con idee nuove e collaborare per ampliare le proprie prospettive.

Ricordate, il successo nel settore dello streetwear non deriva solo da una forte visione creativa, ma anche dalla capacità di abbinare questa creatività con una produzione di qualità e una strategia di marketing efficace.

Se siete pronti a intraprendere questo entusiasmante viaggio nel mondo della moda streetwear, non esitate a raggiungerci. Il vostro percorso verso il successo inizia ora, e siamo qui per guidarvi in ogni passo del cammino.

Corrado Manenti, il designer dei designer, mette in mostra il suo lavoro in Elementor Articolo singolo #3277.
0 0 votes
Punteggio articolo
Abbonarsi
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Parlano di noi

Alcune delle principali testate giornalistiche hanno già iniziato a parlare del nostro progetto e dei nostri clienti con grande entusiasmo e attenzione. Questa risonanza mediatica è la testimonianza del nostro impegno e della nostra professionalità nel promuovere il made in Italy nel mondo. In breve tempo siamo diventati un punto di riferimento per tutto il segmento degli stilisti emergenti 

it_ITItalian
Un uomo in abito in piedi accanto a un manichino per un blog di moda.
Be A Designer

Be A Designer

Solitamente rispondiamo entro 5 minuti

I will be back soon

Be A Designer
👋 Ciao e Benvenuto!
Hai qualche domanda che desideri farci?
WhatsApp